L’organizzazione tecnica che adotta i provvedimenti necessari per l’accesso nella R.S.A. dell’anziano è l’Unità Valutativa Territoriale ( U.V.G. e/o U.V.M. ).

La pratica di accesso può essere attivata da:

  • OSPEDALE/ CASADI CURA: il responsabile della U.O. dove il paziente trovasi ricoverato che riconosce la necessità di proseguimento delle cure che il paziente non può effettuare al proprio domicilio anche per mancanza di supporto familiare;
    _
  • COMUNE: l’assistente sociale del comune che individua insieme al medico di base soggetti affetti da patologie che non possono essere curate adeguatamente a domicilio, anche per mancanza di supporto familiare;
    _
  • AUTORITA’ DI POLIZIA: che riscontra la necessità di soccorrere un anziano in difficoltà, con problemi sanitari non acuti che non ne richiedano il ricovero in ospedale;
    _
  • MEDICO DI BASE: su richiesta del proprio assistito o dei suoi familiari, sempre che sussistano le condizioni per l’accesso in R.S.A.

Per consentire una ottimizzazione delle procedure e dei tempi di ricovero il paziente in fase di deospedalizzazione potrà essere accolto in R.S.A. anche a seguito di dichiarazione sottoscritta dal medico responsabile della divisione ospedaliera.
Nel caso di paziente in corso di deospedalizzazione, il medico responsabile della divisione ospedaliera contatta, prima telefonicamente e poi comunica via fax, sia alla direzione sanitaria della R.S.A. che al responsabile distrettuale dell’U.V.G. o dell’U.V.M., se attivata, la proposta di ricovero con la relativa diagnosi e la terapia da praticare. Il responsabile dell’U.V.M., verificata la possibilità della R.S.A. di ricevere e trattare adeguatamente il paziente, definisce il piano sanitario personalizzato e stabilisce, di concerto con la divisione ospedaliera che dimette, quali sono i controlli e le consulenze che dovranno essere garantite dall’ospedale.

  • Gestione della lista d’attesa

    In attesa di diverse determinazioni da parte della Regione Sicilia la priorità è determinata dall’ordine cronologico delle domande, con le necessarie eccezioni per bisogni gravi o situazioni di emergenza sociale.

  • Documentazione da presentare all’atto dell’ingresso:

    -Autorizzazione di ricovero in R.S.A. rilasciata dalla Commissione U.V.G.
    -Documento di riconoscimento
    -Codice fiscale

  • Cosa portare

    -Pigiama, indumenti intimi, pantofole, vestaglia, altri vestiti per il cambio
    -Tutto quanto può servire per la cura della persona ( spazzolini e dentifricio, schiuma da barba, rasoi, assorbenti igienici, etc.)

  • L’accoglienza

    L’ingresso viene concordato con l’Ospite e con la famiglia. Il personale della residenza, dopo essersi presentato all’Ospite, si attiene alle seguenti disposizioni:

    • accompagna l’Ospite nella camera a lui assegnata e gli presenta gli ambienti (ubicazione di bagno, la sala da pranzo, il soggiorno etc.);
    • effettua le presentazioni delle figure operative della struttura;
    • valuta ed annota sul quaderno delle consegne il grado di comprensione ed orientamento;
    • presenta al nuovo ospite i compagni di camera;
    • osserva il grado di accettazione degli ospiti sotto l’aspetto individuale e collettivo e lo annota;
    • descrizione all’ospite della giornata tipo e presenta all’ospite il programma delle attività previste per la settimana;
    • definisce il piano di assistenza sanitario, riabilitativo, psicologico ed occupazionale secondo le norme stabilite dalla Direzione Sanitaria.
  • ORARI DI ACCESSO PER FAMILIARI ED AMICI

    La scelta della Direzione è di favorire in ogni modo l’accesso di parenti, familiari ed amici dalle ore 12,00 alle 14, 00 e dalle ore 18,00 fino alle ore 20,00. L’accesso è consentito nella stessa fascia oraria previa autorizzazione da parte del personale. È vietato l’accesso in sala mensa, salvo specifiche autorizzazioni. Non è consentito permanere in struttura oltre le ore 20,00.
  • Ufficio Relazioni Pubbliche

    Il Responsabile dell’URP è a disposizione del Pubblico tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 12.00
  • Come raggiungere la RSA

    In auto per chi proviene dalla città di Catania percorrendo la s.s. n°114 CT/SR, con uscita SR Nord (Belvedere)

    In autobus dalla città di Catania percorrendo la s.s. n°114 CT/SR, con uscita SR Nord (Belvedere). Dalla stazione Autobus (Piazza delle Poste) Linea urbana diretta viale Scala Greca.

    Dalla stazione ferroviaria di SR con servizi di Autobus

    In aereo. L’aeroporto di Fontanarossa (CT), scalo di voli nazionali e internazionali dista circa 40 minuti in auto; è in funzione un servizio di autobus per la città di Siracusa

Come contattarci

La Residenza Sanitaria Assistita Scala Greca si trova in viale Scala Greca, 406 a Siracusa.